Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

HOME SNAMI SAVONA SNAMID SNAMI 118 SNAMI GENOVA LINKS UTILI SNAMI Spezia  FARMACEUTICA ACCORDI NAZIONALI Montecatini 2011 congresso MEDICI SPECIALISTI mediazione sanitaria INFORMA PAZIENTI ARS Liguria e MMG PAGINA GIOVANI MEDICI ONE.SYS SNAMI La Spezia 

SNAMI GENOVA

Presidente SNAMI GENOVA Dott. Grimaldi Gianpaolo

Sezione SNAMI GENOVA

Genova, 1° febbraio 2011Caro Collega,l’assemblea ordinaria della nostra sezione provinciale è convocata in prima convocazione venerdì 25 febbraio 2011 alle ore 20 e in secondaVENERDI’ 25 FEBBRAIO 2011 ALLE ORE 21presso la sede dell’Ordine Piazza della Vittoria 12/4con l’ordine del giorno seguente:1.aggiornamento sulle certificazioni: malattia, invalidità, patente2.aggiornamento sulle nuove modalità di organizzazione dell’Assistenza Domiciliare Distrettuale3.quote sindacali 2011 e anni seguenti4.attività della sezione provinciale della società scientifica SNAMID5.rapporti con i colleghi specialisti e ospedalieri (“Compendio”6.attività dei medici sentinella del CIRI-IV7.altri eventuali argomenti proposti dall’assemblea8.discussioneVi invito a consultare il sito http://www.snamisv.org dove potete trovare notizie sindacali e non; le novità nella pagina “focus”, e a mandare un messaggio di posta elettronica a genova@pec.snami.org in modo da essere inseriti nell’indirizzario della sezione e ricevere le notizie e gli avvisi con la massima rapidità. Il Presidente Provinciale SNAMI Genova Alberto Bollo

Comunicazione da Dott. Bollo Presidente Provinciale SNAMI Genova Tavolo Aziendale 11 ottobre 2011 - Accessi PrioritariVedi Delibera Regionale 545 20 maggio 2011Vedi Delibera Aziendale 950 21 luglio 2011Punti principaliCasella U prestazione in 72 ore Casella B in 10 giorniCasella D in 30 giorni per le visite in 60 per gli accertamenti.Casella P senza tempo.Barratura obbligatoria. Quesito diagnostico obbligatorio (come prima).Formazione: a novembre corsi prima per MMG poi per specialisti SUMAI, medici ospedalieri ospedalieri e quanti interessati.Urgenza in 72 ore non si può assicurare sul territorio, non sarà prenotabile CUP, ma sarà presa da ambulatori ospedalieri, con reperibilità diretta telefonica.Per le urgenze tipo B non siamo riusciti a trovare dati statistici quantitativi, proviamo ad assegnare il 70 % del tempo alle urgenze tipo B.Compilazione: Barrare la casellaQuesitoBarrare se primo o secondo accesso ( Non confondere con prima visita e visita di controllo)Si va anche a prendere la scheda onlineCi riusciremo, ci sono riusciti tutti gli altri, le altre regioni già lo fanno, ma sarà un impegno. A Novara (Ida Grossi) si fa dal 2003 anche senza la scheda SDO, vedremo strada facendo.“Manuale” vero e proprio, distribuito in poche copie ai partecipanti, sarà presto disponibile sul sito e ve lo faremo sapere subito.

PRESTAZIONI GRATUITE L’Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri di Genova ha recentemente affrontato un tema molto dibattuto tra coloro i quali esercitano la libera professione e cioè quello delle prestazioni gratuite ed in particolare del loro trattamento ai fini tributari.Per fugare ogni dubbio sull’argomento, è stata presentata, all’Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Liguria, istanza di consulenza giuridica. Si tratta di un istituto attraverso cui enti, quali ordini professionali, associazioni sindacali ed anche enti pubblici, possono chiedere delucidazioni in merito al corretto trattamento di determinate fattispecie riguardanti casi generici che potrebbero, come nel caso in esame, riguardare un’intera categoria Con il quesito posto all’Agenzia delle Entrate, l’Ordine ha chiesto se il medico, che rende gratuitamente una prestazione, debba comunque emettere una fattura o se sia soggetto ad altri adempimenti in materia tributaria.Il parere dell’Amministrazione non ha eliminato i dubbi riguardanti il trattamento delle prestazioni gratuite, ritenendo il quesito posto, troppo generico, rispetto alle molteplici situazioni che potrebbero concretamente realizzarsi. Per tali ragioni l’Agenzia delle Entrate ha affermato di essere impossibilitata a fornire una risposta dettagliata ed univoca sull’argomento.Tuttavia il parere di cui sopra ha comunque delineato i principi secondo i quali devono essere trattate le prestazioni gratuite. L’Agenzia infatti afferma: “A fronte di ciò occorre poi considerare la natura essenzialmente onerosa della prestazione medica e la conseguente eccezionalità delle ipotesi di prestazioni rese a titolo gratuito. Si tratta pertanto di fattispecie da valutare in concreto, caso per caso, in ragione dei fenomeni evasivi potenzialmente sottesi, tenendo conto della tipologia della prestazione resa, dei soggetti coinvolti, (ad es. se parenti piuttosto che estranei, se pazienti già in cura per successive visite di mero controllo o per prime visite), e sempre considerando l’eccezionalità della natura gratuita della prestazione.”Alla luce di quanto sopra è evidente che la gratuità della prestazione medica è del tutto eccezionale ed è riconducibile a determinate casistiche.Ciò deve poi essere coniugato con quanto disposto dall’art. 3 D.p.r. 633/1972 e cioè il testo unico Iva, per cui sono irrilevanti ai fini Iva le prestazioni di servizi rese da artisti e professionisti, e con l’art. 54 del D.p.r. 917/1986, testo unico delle imposte dirette, per cui concorrono alla formazione del reddito di lavoro autonomo i compensi se percepiti.In base a tali disposizioni la prestazione gratuita non deve essere certificata da alcun documento, non avendo la stessa costituito un’operazione rilevante, né ai fini delle imposte dirette, né ai fini Iva.Sebbene le prestazioni gratuite non siano soggette a particolari adempimenti, è opportuno che il professionista sia in grado di giustificare l’eccezionalità della situazione per cui ha reso la sua opera senza essere pagato.Tale circostanza potrebbe essere individuata in un legame di parentela con l’assisto, oppure in un rapporto continuativo per cui alcune prestazioni possano essere ritenute gratuite, quali una visita di controllo, che un chirurgo potrebbe fare a seguito di un intervento, al fine di valutare il decorso post operatorio del paziente.In ogni caso la prestazione gratuita deve costituire, anche in termini quantitativi, una parte minima dell’attività del medico, rispetto alla totalità delle prestazioni rese. Se così non fosse non sarebbe riscontrabile il carattere dell’eccezionalità della prestazione gratuita.Pertanto, come indicato dall’Amministrazione, le prestazioni gratuite rappresentano per il medico lavoratore autonomo, una categoria residuale nell’ambito dei servizi resi, e l’opportunità di fornire la propria assistenza gratuitamente va valutata caso per caso, in base a condizioni soggettive del paziente ed alla tipologia di prestazione resa.Studio Associato Giulietti Dott. Eugenio Piccardi

MODULO ASSISTENZA DOMICILIARE

La Sezione SNAMI di Genova dopo un periodo purtroppo abbastanza lungo di commissariamento ha ricominciato la propria attività istituzionale il 25 novembre 2015 giorno in cui si sono svolte con successo le elezioni provinciali e nel quale è stato eletto il nuovo Presidente Provinciale SNAMI Genova Dott. Grimaldi Gianpaolo.La sezione SNAMI Genova riafferma in questo modo la propria presenza sul territorio ed una speranza concreta di riscatto professionale per tutti i medici che ritengono una priorità riaffermare il ruolo essenziale della professione medica e la necessità di trasmettere questo sentimento sano e profondo alle generazioni future.L'apertura verso i gioveni medici, il loro coinvolgimento in tutti gli aspetti della vita professionale a partire da quella deontologica per arrivare a quella poco piacevole ma necessaria della burocrazia amministrativa è l'unica strada possibile.I medici più anziani che dispongono di una lunga e preziosa esperienza professionale uniti ai giovani medici che desiderano realizzarsi professionalmente posso creare un gruppo veramente innovativo che potrà dare il prorpio contributo mediante il sindacato.La pagina web dello SNAMI Genova deve diventare la bacheca di riferimento per gli iscritti allo SNAMI Genova e per chi volesse condividerne le iniziative. Si invitano tutti gli iscritti allo SNAMI Genova che non avessero ancora fornito la propria e-mail e numero di telefono a trasmetterla alla Presidenza Regionale ( email fuset@iol.it ). A breve sarà disponibile un indirizzo email dello SNAMI Genova.

PAGINA WEB SNAMI GENOVA

Organigramma SNAMI GenovaPRESIDENTE PROVINCIALE SNAMI GENOVA : Dott. GRIMALDI GIANPAOLOVICEPRESIDENTE PROVINCIALE : Dott. MERETO EUGENIOSEGRETARIO PROVINCIALE : Dott. DEL NERO EZIOTESORIERE PROVINCIALE : Dott. SCHIANCHI PIER GIORGIOADDETTO STAMPA PROVINCIALE : Dott. LAGASCO SILVIACONSIGLIERE PROVINCIALE : Dott. RAGO DAVIDECONSIGLIERE PROVINCIALE : Dott. PICCIN ERIKAREVISORE CONTI : Dott. GHIORZI ROBERTOREVISORE CONTI : Dott. LEVO CARLOREVISORE CONTI : Dott. PROVINCIALI LUIGISOSTITUTO REVISORE CONTI : Dott. ALBERTI DIEGO

IN COSTRUZIONE



SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO MEDICI ITALIANI - LIGURIA